Modalità statica o modalità ventilata?

A casa ho sempre avuto il forno a gas, ed onestamente, non mi ero mai posta il problema di capire come si usassero queste due funzioni che si trovano ormai nella maggior parte dei forni

Ma, perché c’è sempre un ma nella nostra vita, nella mia cucina nuova a Torino ho il forno che, oltre a funzioni di cui non conoscevo l’esistenza, ha queste due modalità di cottura: statica e ventilata

Mi sono letta il manuale, mi sono andata a cercare un po’ di notizie su Internet e ho scoperto che ero veramente ignorante sull’argomento (uno dei tanti argomenti eh?!)

Quindi nel mio quadernino ho iniziato ad appuntarmi tutto ciò che trovavo per farne una sorte di vademecum

Pronti?

STATICOvsVentilato

Fight!

MODALITÀ STATICA

  • la cottura è più lenta, avviene per Irragiamento e il calore proviene dalle resistenze poste all’estremità del forno
  • adatta per tutte le preparazioni che richiedono la lievitazione poiché permette di continuare a crescere completando, contemporaneamente, la cottura della parte interna
  • adatta alle cotture dei dolci (panbrioche, pandispagna, croissant, meringhe)
  • rischio di cottura meno omogenea rispetto alla modalità ventilata
  • cibi ben cotti e asciutti al loro interno
  • Non si possono cuocere più alimenti per volta
  • Ricordarsi di togliere le leccarde che non si usano, rischiano di danneggiare la cottura assorbendo calore inutile e non farlo arrivare alla pietanza.
  • Se usiamo la modalità statica per una ricetta che richiede la modalità ventilata aumentare di 20º la temperatura richiesta mantenendo lo stesso tempo
  • il forno a gas ha le stesse caratteristiche

MODALITÀ VENTILATA

  • la cottura avviene per convenzione il calore si propaga in modo omogeneo nel forno
  • cottura più uniforme
  • adatto ai cibi che richiedono una crosta in superficie, ma che mantengano l’ interno morbido
  • consigliato per crostate
  • cottura più veloce rispetto a quella statica
  • possibilità di cuocere più alimenti contemporaneamente
  • cottura adatta a paste al forno, cartocci, verdure gratinate, tagli di carne che devono rimanere morbidi al loro interno
  • Cibi croccanti
  • se si vuole fare il pane in modalità ventilata mettere in un contenitore adatto acqua in modo che rimanga sempre umidità all’interno del forno.

Sapevate tutte queste accortezze e differenze?

Ne conoscete altre?

Se si condividile qui con me! Sono così curiosa di conoscere sempre qualcosa di nuovo!


Reader Comments

  1. Lo sai che me lo chiedevo spesso anche io… quali saranno le differenze? Per dire ciambellone cottura statica..ora l’ho capito.
    Bacio
    Luana

    1. Anche io inizialmente non capivo le varie differenze! Tranquilla! Ci passiamo tutti prima o poi 😂😂😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *