Burger di patate e spinaci

Uno dei piatti vegetariani che ha sempre successo con i miei ragazzi sono questi burger di patate e spinaci. Facilissimi da fare, molto saporiti, da cuocere in forno o in padella antiaderente hanno la caratteristica di rimanere sempre morbidi!

Con le dovute accortezze ci rendiamo conto che sono anche molto leggeri e adatti alle diete, il che non guasta visto quanto abbiamo cucinato in quarantena!

Hanno una preparazione abbastanza veloce, l’unica cosa noiosa è la cottura delle patate, ma scampata quella è tutto in discesa!

Proviamo a farli insieme?

ingredienti

  • 600g di patate

  • 400g di spinaci freschi

  • 2 uova

  • Parmigiano o mix di formaggi grattugiati

  • Insaporitore carne, pepe, noce moscata, sale, olio evo

  • Pangrattato

preparazione

  • Mettere a bollire le patate
  • Far appassire gli spinaci in una pentola con pochissima acqua e a fine cottura scolarli e strizzarli per bene
  • pelare le patate e schiacciarle con uno schiacciapatate
  • Condire le patate con l’insaporitore per carne, il pepe, la noce moscata
  • Aggiungere le uova e il parmigiano (o il mix di formaggi se vi piace il sapore più forte)
  • Mescolare tutto e aggiungerci gli spinaci tagliati grossolanamente
  • Assaggiare il composto e regolarlo di sale
  • Prendiamo una teglia di carta forno
  • Incominciate a creare i vostri burger, se vedete che il vostro impasto è troppo appiccicoso e non si lavora bene aggiungere un pochino di pangrattato.
  • Ogni burger dovrà essere ripassato nel pangrattato e messo sulla carta forno
  • Procedete fino alla fine dell’impasto
  • Passare sopra i burger un filo d’olio Evo
  • Cuocere 30 minuti a 180º forno ventilato e 5 minuti di grill
eccoli pronti!

CONSIGLI

  • Per rendere i burger di patate e spinaci ancora più light eliminare l’olio evo e il parmigiano
  • questa è una ricetta base. Che vuol dire? Che potete personalizzarla come più volete!
  • Possiamo aggiungerci della mozzarella a cubetti o della provola o del prosciutto cotto o della mortadella, o addirittura del tonno!
  • Se vogliamo fare proprio una pastella e quindi passare il burger nell’uovo e poi nel pangrattato dobbiamo ricordarci di rendere l’impasto molto sodo, altrimenti si spaccherà tutto
  • è un piatto adatto alle schiscette per lavoro, per un picnic e magari per un altro cena con amici rendendolo un finger food
  • se fate la pastella seria, vi prego, friggetelo! Fatelo per chi come me al fritto non ci si può avvicinare! Fatto 30 fate pure 31 no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *