Storie di Blue Monday e Ravioli di Mele

Il Blue Monday si sà ci rende tristi… oddio, forse voi lo sapete, a me sembra un solito schifoso lunedì (i lunedì li ho apprezzati solo quando lavoravo a Roma ed eravamo chiusi e non essendo una parrucchiera ho ricominciato a non tollerarli quando ho smesso… non che i mercoledì siano migliori… anzi! Sono infidi perché troppo vicini all’inizio settimana è troppo lontani dal sabato, quelli sì che fanno schifo!)

Tornando a noi, dicevamo che ‘sto Blue Monday ci rende tristi, e cosa facciamo noi quando siamo tristi? Andiamo dalla parrucchiera!!!!! Ah no… è lunedì e sono chiuse.

Andiamo a prenotarci un viaggio!!!! Ah no… siamo poveri.

Allora cuciniamo va!

Ma stavolta cambiamo!

Facciamo una cosa che difficilmente cucineremo per noi!

Facciamo… facciamo…

I RAVIOLI DI MELE

Mmmmh direte voi!!!! Sta arrivando Carnevale!!!! Magari oltre alle frittelle ora si sono inventati anche i ravioli dolci!!!!!

AHAHAHAHAH ILLUSI!!!!!

Niente dolci! Stiamo ancora in punizione per Natale!!!

Ma ho deciso di preparare un primo piatto.

eccoli qui in tutto il loro splendore ?

Sono conditi con burro, salvia e pepe… dopo vi mostro anche piccole varianti.

La ricetta l’ho ripresa da un libro che ho qui da anni e ve la riporto fedelmente.

RAVIOLI DI MELE

Ingredienti per 4 persone

LA FARCIA:

600 gr di mele (ho usato le smith per il terrore del sapore dolce)

100 gr di prosciutto cotto (ho usato quello arrosto)

4 cucchiai di parmigiano

4 cucchiai di pangrattato

1 uovo

120 gr di burro

4 foglie di salvia (ne ho aggiunta qualcuna in più)

Sale

Pepe

Noce moscata

LA PASTA:

200gr di farina 00

2 uova

1 cucchiaio di olio evo

Acqua tiepida

PROCEDIMENTO:

Impastiamo la farina con l’olio, le 2 uova, qualche cucchiaio di acqua tiepida (ne ho messi 4) e un pizzico di sale. Lavoriamo il tutto fino a che non avremo un panetto, e lasciamolo riposare per 20/30 minuti.

Intanto prepariamo la farcia. Spelliamo e grattugiamo le mele (oppure le frulliamo col minipimer, ma devono essere prima tagliate a pezzetti piccoli) e le facciamo rosolare in padella con 20 gr di burro e il prosciutto tritato (se desiderate una consistenza più cremosa potete frullare anche quello)

Quando il composto si staccherà dalle pareti è pronto! Spegniamo, mettiamolo in una boule e aggiungiamo la noce moscata, il parmigiano, sale, pepe e l’uovo. Il pangrattato lo aggiungeremo per ultimo per regolarci sulla consistenza.

Stendiamo la pasta in una sfoglia sottile: io ho utilizzato la “nonna papera”, ma se volete farvi i muscoli va bene anche a mano!

Ora tagliate i ravioli come preferite voi. Io ho usato le forme, ma siete liberi di usare qualsiasi metodo (siamo in democrazia ????) l’importante è che si possano farcire! Dopo tutta questa fatica -perché non prendiamoci in giro, fare i ravioli è una fatica- li facciamo cuocere in acqua salata e intanto facciamo fondere il burro in padella con la salvia. Scoliamo e condiamo!!!!!

Bon Appetit!!!!! ????Questa è la ricetta CLASSICA del mio libro di ricette, ma mi sono chiesta… e se sopra ci mettessimo delle belle cipolle caramellate di Tropea????e se sopra ci mettessimo degli amaretti sbriciolati????? Il risultato?

Piatti vuoti ??????

La base è sempre la stessa. Mi sono solo limitata ad aggiungere particolari che dessero più sapidità e croccantezza!!!!

Ah si! C’è stato un altro se… e se con la pasta avanzata (perché ho lasciato mezzo panetto da sfogliare) ci faccio le fettuccine???? In conclusione? È stato decisamente un Blue Monday… per la mia bilancia ????????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *