Cronache dal Salento parte2 ?(Lido conchiglie e Nardó) 

Ci eravamo lasciati con tutte le buone intenzioni di mangiare sano e leggero… infatti a pranzo abbiamo portato una bella insalata di riso integrale con pomodorini, prosciutto cotto, olive, mais e tonno e melone e cocomero tagliato a pezzettini. Eravamo convinti! Convintissimi! Peccato l’omino del cocco fresco… che se ti prendevi 3 bustine di cocco pagavi solo 5€ (solo veramente perché da noi un pezzetto forse lo paghi 5€). 

Poi ho voluto un caffè e ho scoperto al di lá della spiaggia un posto paradisiaco: una friggitoria che ti faceva panzerotti, rustici leccesi, calzoni e altre cose buone e unte. E che fai!? Non assaggi!?!? Non sia mai!!!!!!! Quindi abbiamo preso 2 crocchè e 2 rustici leccesi SOLO PER ASSAGGIARE (giuro) 

Alessandro ha iniziato a pranzare alle 11:15 e io ho finito alle 12:30. Per farvi capire come stavamo messi???? 

Insomma eravamo dalle 8:30 al mare e alle 12:30 avevamo già finito tutti i viveri a nostra disposizione ?

Il pomeriggio trascorre lento e calmo… con un vento forza 9 che ha fatto volare l’ombrellone (legato tatticamente a dei pesi)  in testa a me e alghe nel mare e dove io mi sono sfracassata un dito e una gamba negli scogli… per poi scoprire alle 15:30 che se ci spostavamo di 200 mt non c’erano alghe ne scogli ?

Alle 17:00 andiamo via e ritorniamo a Nardó. Stanchi, affamati di nuovo e con la sabbia in posti sconosciuti anche a noi. 

Avevamo mangiato cose fritte e unte per pranzo (anche l’insalata light sia chiaro) e avevamo fame. In frigo avevamo carne e altra insalata, ma è stato proposto la Braceria. Ovviamente la proposta è stata accolta quasi all’unanimità. Io avevo degli scrupoli e Michele non aveva voglia di uscire, ma dopo la promessa della maglietta di Icardi (Si. Ho un figlio interista, uno milanista e io sono gobba) si è vestito e siamo usciti. Siamo andati a mangiare e lì ho capito due cose fondamentali:

  • che il nostro concetto di portata non è il loro concetto. Salsiccia non equivale a una o due salsiccie. Ma a una sfilza di salsiccette. Ad esempio. 
  • Che mi sono innamorata delle bombette al limone e se c’è qualche salentino che vuole adottarmi avviamo subito le pratiche. 

  Alla fine ci siamo riportati 3/4 della cena a casa… 3 su 4 propongono di portarci sfilze di salsiccette domani in spiaggia per festeggiare ferragosto… ma anche se sono terrona dentro combatteró con i denti e porteremo un pranzo leggero: frittata è insalata. Magari non leggerissimo… ma che terrona sarei???? ?

A domani!!!! 

E speriamo di cavarcela ? 

E ricordiamoci: BOMBETTE PATRIMONIO DELL’UMANITÀ